Che cosa è la prematurità?

(17-11-2015)

Una nascita si considera prematura quando si verifica prima del termine della 37esima settimana di gestazione. Questo problema è in crescita negli ultimi anni, ed è una delle principali cause di morte nei bambini in tutto il mondo.

L’OMS stima che ogni anno circa 15 milioni di bambini nascono prima del termine della gravidanza. In Europa, la percentuale di nascite premature è pari al 10%, in Spagna invece si aggira intorno al 6%.

Spesso non si conosce la causa di un parto pretermine, ma ci sono diversi fattori di rischio che devono essere presi in considerazione: l’obesità, il diabete, l’ipertensione, il fumo, alcune infezioni, età materna avanzata e la gravidanza multipla.

È quindi importante mantenere uno stile di vita sano durante la gravidanza, anche se vi possono essere altre cause di parto prematuro, tra queste le malformazioni uterine.

I bambini prematuri sono esposti ad un maggior rischio di poter sviluppare disabilità, questo dipende dal grado di prematurità, dalla qualità delle cure e dall’attenzione ricevuta durante il parto. Per questa ragione i bambini prematuri hanno bisogno di cure mediche speciali durante le settimane o i mesi successivi alla nascita.

Fortunatamente le possibilità di sopravvivenza senza ripercussioni sulla salute di un bambino prematuro sono aumentate negli ultimi anni, secondo uno studio della Società Spagnola di Neonatologia, infatti, il 55,7% dei bambini nati a 25 settimane, sopravvivere senza gravi conseguenze.