« Back to Glossary Index

MALATTIE EREDITARIE MONOGENICHE 

Definizione

Le malattie ereditarie monogeniche sono causate da alterazioni nella sequenza del DNA di un singolo gene.

I geni sono piccoli segmenti di DNA. Sono disposti in ordine nei cromosomi, all’interno del nucleo delle cellule. Ogni cellula ha 23 paia di cromosomi; due di loro, la X e la Y, sono i cromosomi sessuali e determinano il sesso; il resto dei cromosomi è chiamato autosomico.

Tutti i geni servono come modello per la produzione di diverse proteine ​​e insieme forniscono le informazioni necessarie per strutturare il corpo e le sue funzioni. Quando uno di questi è anormale, può produrre una proteina anormale o quantità anomale che alterano queste funzioni.

I tratti anomali non sempre ereditati hanno conseguenze sulla salute; A volte le conseguenze sono minime, ma possono anche produrre alterazioni che portano ad una significativa diminuzione della qualità della vita. Le malattie ereditarie colpiscono l’1-2% della popolazione generale.

Come si trasmettono?

Esistono diversi modelli di ereditarietà di un singolo gene:

  • L’ereditarietà autosomica dominante: la persona ricevere il gene difettoso da uno solo dei genitori. In questi casi le anomalie di solito compaiono in tutte le  generazioni e ogni bambino affetto ha un padre altrettanto affetto. Le persone non affette non trasmettono la malattia. Quando uno dei genitori è portatore, il bambino ha una probabilità del 50% di ereditare la malattia. Inoltre, uomini e donne hanno la stessa probabilità di ereditarlo. Esempio: neurofibromatosi tipo 1.
  • L’ereditarietà autosomica recessiva : solo gli individui che ereditano le due copie del gene interessato (materno e paterno) erediteranno la malattia. Gli individui con un solo gene affetto saranno portatori della malattia, ma non la esprimeranno. Esempio: fibrosi cistica.
  • Dominante legato al cromosoma X: i caratteri dominanti legati al cromosoma X sono rari. Si manifestano in donne che hanno una mutazione in una delle due copie del gene sul cromosoma X e negli uomini che hanno il gene mutato sull’unico cromosoma X che hanno. Sia i bambini che le figlie di una madre affetta hanno il 50% di probabilità di essere colpiti, sebbene la manifestazione della malattia sia generalmente più lieve nelle donne rispetto agli uomini. I maschi affetti trasmettono la malattia solo alle loro figlie; i figli saranno sani. Esempio: rachitismo ipofosfatemico.
  • Recessivo legato al cromosoma X: In questi casi, anche se la donna è portatrice di un gene anormale, non soffrirà della malattia, perché il normale cromosoma X compenserà l’anomalia. Al contrario, qualsiasi maschio che riceve il cromosoma X anormale ne soffrirà. Ogni bambino maschio nato da una donna con una malattia recessiva legata al cromosoma X ha una probabilità del 50% di ereditare il gene difettoso e quindi di sviluppare la malattia. Ciascuna delle figlie avrà una probabilità del 50% di ereditare il gene difettoso e di essere portatore della malattia. I portatori di solito non hanno sintomi della malattia, ma possono avere un bambino affetto. Un uomo affetto da una malattia legata al cromosoma X non può trasmettere la malattia ai suoi figli, perché porta loro il cromosoma Y, ma lo trasmetterà a tutte le sue figlie, che saranno portatrici.

Esempio: emofilia

  • Eredità legata al cromosoma Y: solo i maschi soffriranno di una malattia legata al cromosoma Y. Pertanto, un maschio affetto trasmetterà la malattia a tutti i suoi figli, ma nessuna delle sue figlie. Questo tipo di eredità è molto raro.

Quali sono le più comuni malattie ereditarie?

  • Fibrosi cistica
  • Α e β-talassemia
  • Sindrome dell’X fragile
  • Emofilia A
  • Atrofia muscolare spinale
  • Anemia falciforme
  • Neurofibromatosi tipo 1 (NF1)
  • Malattia di Huntington
  • Malattia del rene policistico autosomica recessiva
  • Distrofia miotonica di tipo 1 (Steinert)Distrofia muscolare di Duchenne / Becker
  • Sindrome di Marfan

Opzioni riproduttive: diagnosi genetica preimpianto

Le coppie portatrici di una malattia ereditaria monogenica hanno un alto rischio di trasmettere questa condizione ai loro discendenti e quindi hanno poche opzioni riproduttive. Fino ad ora potevano optare per l’adozione, per un trattamento di fecondazione in vitro con donatori di sperma o di ovociti o per concepire un bambino affetto dalla malattia e optare per un aborto terapeutico. La Diagnosi genetica preimpianto offre la possibilità di avere un bambino senza trasmettere la malattia genetica.

In cosa consiste la diagnosi genetica preimpianto?

Sebbene le persone portatrici di malattie ereditarie monogeniche non abbiano necessariamente problemi di sterilità, è necessario eseguire tecniche di fecondazione in vitro per poter analizzare gli embrioni e selezionare quelli che sono sani per il trasferimento nell’utero.

La Diagnosi genetica preimpianto (PGD) è un metodo diagnostico che viene eseguito nell’embrione prima dell’impianto in utero. Nelle coppie a rischio di trasmettere una malattia ereditaria monogenica,la  PGD si realizza sugli embrioni e permette trasferire nell’utero solo quelli sani. La tecnica PGD è il risultato della combinazione di fecondazione  in vitro e analisi genetica.

Che percorso bisogna intraprendere?

È importante fornire tutti i test diagnostici disponibili: rapporto genetico completo, descrizione delle malattie e delle mutazioni, storia familiare, ecc.

Più tardi viene condotto uno studio sull’informatività. Per fare ciò, è necessario un campione di sangue dei membri della coppia e (in alcuni casi) di un altro familiare o portatore di tale malattia, accompagnato dai corrispondenti rapporti genetici. Questo test è uno studio genetico personalizzato per ogni coppia, determinante per decidere la tecnica che verrà utilizzata negli embrioni e per accertare che il DGP sia fattibile. Lo studio dell’informatività dura circa 2-3 mesi. Una volta approvato lo studio, il paziente può iniziare il trattamento di stimolazione per la fecondazione in vitro.

Sei un portatore di una malattia ereditaria e vuoi un bambino sano?

Puoi contattarci; Chiariremo i tuoi dubbi e ti informeremo riguardo l’intero processo.

 

« Back to Glossary Index